Si ricicla!

Calendario

Anno nuovo, calendario nuovo! Ma, tempo di crisi… meglio pensare se prima o poi il calendario del 2013 appena trascorso potrà venir di nuovo riciclato. In effetti, tra qualche anno, i giorni della settimana coincideranno con quelli del 2013.

Ma quale sarà il momento più fortunato per i riciclatori, cioè quando si potrà utilizzare per la seconda volta un calendario, dopo il minimo numero di anni possibili dall’ultimo utilizzo?

3 commenti su “Si ricicla!”

  1. Con la Pasqua o senza la Pasqua?

    Comunque il calendario di Rudimathematici
    http://www.rudimathematici.com/archivio/calendari/RM_2013_Calendar.pdf
    comincia sempre con un’equazione di quarto grado le cui soluzioni sono 4 anni per cui va bene il loro calendario (che non ha la Pasqua). E le equazioni di quarto grado, si sa, sono risolubili esattamente!

    Se si conoscono le soluzioni, risolverla è un gioco da ragazzi (ah povero Monsieur de Lapalisse), altrimenti…
    http://it.wikipedia.org/wiki/Equazione_di_quarto_grado

    Ma prima di ricorrere alle formule, forse, effettivamente, conviene pensarci su. Attenzione però a quello che succede dopo il 2100 (ma l’equazione citata si ferma prima).

  2. Il ripetersi dei giorni della settimana negli stessi mesi di anni diversi dovrebbe avere una periodicità diversa se si considera anno bisestile o anno non bisestile e anche se si considerano i giorni dal 1 gennaio al 28 febbraio e quelli dal 1 marzo al 31 dicembre.
    Mi viene da pensare che ogni 28 anni si ripeta esattamente la stessa sequenza di giorni della settimana, perché 28 = 7 x 4 e con 7 si tiene conto della periodicità settimanale e con 4 di quella degli anni bisestili. Ma non ne sono sicura.

  3. Ogni calendario si può riciclare esattamente dopo 28 anni. Il calendario del 2013 potrà esser utilizzato sicuramente nel 2013+28 = 2041. Questo vale sempre fino al 2100 (come giustamente fa notare Povero Diavolo), quando ci sarà un salto di un giorno, in quanto il 2100 sarà inaspettatamente NON bisestile.
    Ma capita che si possa riciclare anche prima dei 28 anni.
    Infatti con i giorni della settimana (cioè senza calcolare il giorno di Pasqua e tutte le date che ne seguono di conseguenza) si possono formare 14 calendari diversi: i sette calendari bisestili che iniziano con lunedì, con martedì… con domenica, e i sette calendari non bisestili che iniziano con lunedì, con martedì… con domenica.
    Dal momento che ogni anno ci sono 52 settimane e un giorno negli anni non bisestili e 52 settimane e due giorni negli anni bisestili, ci sono dei casi nei quali un calendario si potrà riciclare dopo sei mesi. Il calendario del 2017 si potrà riciclare, ad esempio, nel 2023.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *