Il campanile

Campanile

In questi giorni si svolgono le selezioni della Bocconi. Mi viene in mente il problema che l’anno scorso ha mietuto più vittime, nonostante ci siano stati pochi calcoli da fare e poche regole da sapere.
Vediamo il testo.
Il campanile impiega 6 secondi per battere le 6. Quanti secondi impiega per battere le 11? I rintocchi si susseguono tutti allo stesso ritmo, alle varie ore. E parliamo sempre delle ore antelucane: 6 di mattina e 11 di mattina.

7 pensieri su “Il campanile

  1. Spero di non sbagliate anche questa volta
    Considerando istantaneo il rintocco, dobbiamo calcolare quanti intervalli ci sono tra un rintocco e quello successivo.
    1º tempo 0
    2º tempo 1
    3º tempo 2
    4º tempo 3
    5º tempo 4
    6º tempo 5
    Quindi alle sei abbiamo 6 rintocchi con 6-1( tempo 0) = 5 tempi di attesa in 5 secondi perciò alle 11 dovremmo avere 11-1 = 10 tempi di attesa pari a 10 secondi.

  2. Io dico 12 secondi.
    Se il rintocco è un punto e la pausa una lineetta le ore 6 si rappresentano così:
    ._._._._._.
    e sappiamo che dal primo punto a sinistra all’ultimo punto a destra sono passati 6 secondi

    Le ore 11 invece sarebbero:
    ._._._._._._._._._._.

    Ci sono esattamente il doppio delle lineette, quindi 12 secondi.

    Si può anche fare in un altro modo: il tempo fra un rintocco e il successivo è di 6/5 di secondo. Se ci sono 11 rintocchi ci sono 10 spazi vuoti fra un rintocco e l’altro
    6/5 * 10 = 60/5 = 12 secondi.

  3. Risposta esatta: 11 rintocchi durano il doppio di 6 rintocchi, in quanto 10 pause sono il doppio di 5 pause.

    Per quanto riguarda i problemi di quest’anno, mi sembravano troppo facili, non adeguati a questa gara. Ma così hanno preparato in Francia…

    • Scusate…. Forse non ho capito bene….
      X “suonare” le 6 del mattino il campanile fa 6 rintocchi in 6 secondi mentre x scandire le 11…. quanti secondi ci impiega??????
      Secondo me 11…. un rintocchi al secondo come la mattina!!!!

  4. esattamente al test, quando l’ho fatto, 3 o 4 giorni fa, e l’ho proposto ad alcuni giovani di mia conoscenza che lo hanno fallito tutti. Ma ieri sera mi è venuto un dubbio. La risposta di Sbodlino è correttissima, in quanto aggiunge anche l’indipensabile “considerando istantaneo il rintocco”.Mi chiedo se questa precisazione ci fosse anche nel testo originale, perché nel caso contrario il problema sarebbe mal posto e la risposta sarebbe impossibile da trovare per carenza di dati. Un breve calcolo comunque tenderebbe a far avvicinare, in assenza di quella specificazione, la risposta giusta a quella che presumo abbiano dato i ragazzi che hanno fallito il test. Ammettiamo per esempio che la durata del suono del rintocco sia di 4 decimi di secondo. Per suonare le 6 quindi ci vogliono 6×4 = 24 decimi di suono (s) e 60-24= 36 decimi di intervallo (i). Facile calcolare che per 11 rintocchi ci vorrebbero 116 decimi, ammettendo di smettere di contare al termine del tempo di suono in tutti e due i casi. Salvo errori ed omissioni.

  5. Ciao, PaoloB.
    Hai ragione, ma si presume che il rintocco sia istantaneo.
    Questo problema ha tante varianti, che ora ti cito.

    Devo prendere quattro pastiglie: una ogni ora. Quanto tempo dura la mia cura?
    Tre ore. Infatti prendo la prima pastiglia e faccio partire il cronometro; prendo la seconda pastiglia quando è l’una, la terza pastiglia alle due e la quarta alle tre.
    E’ ovvio che anche qui immagino che non ci voglia tempo per prendere una pastiglia, cioè che l’azione sia istantanea. Solo così funziona, altrimenti dovrei dire che ci vogliono tre ore più il tempo di prendere una pastiglia, bere un sorso d’acqua e deglutire.

    Nel mio viale lungo 100 metri ci sono degli alberi, distanti 10 metri uno dall’altro. Quanti alberi allineati ci possono essere al massimo?
    La risposta è 11, ma anche qui devo supporre che ogni albero sia puntiforme, cioè il suo tronco non abbia spessore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *